10 consigli dell’Enea

ENEA fornisce dieci indicazioni pratiche che consentono di ottenere benefici ambientali e risparmi fino al 7% sul totale della bolletta elettrica.

L’estate e il gran caldo portano inevitabilmente ad accendere i condizionatori di casa ma il rischio salasso sulle bollette è dietro l’angolo. Come ridurre i consumi dei condizionatori? È l’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, ad aver stilato un decalogo con i dieci consigli per un uso intelligente dell’aria condizionata. Attenzione alla classe energetica

Per risparmiare sulla bolletta di casa quando si usa il condizionatore, in primis è opportuno preferire modelli in classe energetica A o superiore. Un nuovo condizionatore di classe A consuma all’anno circa il 30% in meno rispetto a un vecchio modello di classe C, con una riduzione equivalente di emissioni di CO2.

La tecnologia inverter

Quando si prevede di tenere accesa l’aria condizionata per molte ore di seguito, è preferibile acquistare condizionatori con tecnologia inverter con potenza adeguata all’effettiva necessità riducendo i cicli di accensione e spegnimento. Il dispositivo dotato di tecnologia inverter significa che raffredda l’ambiente velocemente sfruttando e una volta raggiunta la temperatura impostata, rallenta e funziona al minimo per mantenere la temperatura impostata. Sono modelli più costosi di quelli dotati di tecnologia on-off, ma consumano meno energia quindi la spesa è ammortizzata nel tempo.

Gli incentivi all’acquisto 

Per l’acquisto di un climatizzatore a pompa di calore, se destinato a sostituire integralmente o parzialmente il vecchio impianto termico, si può usufruire dei seguenti incentivi, ognuno con proprie caratteristiche e condizioni:

  • del bonus casa
  • dell’ecobonus
  • del Conto termico 2.0

Attenzione alla posizione

In fase di installazione poi, sottolinea l’Enea, è importante collocare il climatizzatore nella parte alta della parete e mai dietro divani o tende.

Non raffreddare troppo l’ambiente; e attenzione all’umidità

La temperatura ideale da impostare è di due o tre gradi in meno rispetto alla temperatura esterna, magari per scongiurare la sensazione di caldo opprimente può essere sufficiente l’attivazione della funzione “deumidificazione”.

Ogni stanza ha bisogno del suo climatizzatore

È inutile installare un condizionatore potente in corridoio sperando che rinfreschi l’intera abitazione.Non lasciare porte e finestre aperte

Il climatizzatore raffresca e deumidifica l’ambiente in cui è installato trasferendo il calore e l’umidità all’esterno. L’ingresso nella stanza di “nuova” aria calda obbliga l’apparecchiatura a compiere un lavoro supplementare per riportare la temperatura e l’umidità ai livelli richiesti, con un conseguente dispendio di energia.

Coibentare i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione

Se i tubi sono esposti direttamente ai raggi solari rischiano di danneggiarsi. Così è opportuno anche assicurarsi che la parte esterna del climatizzatore non sia esposta completamente al sole e alle intemperie.

Usare il timer e la funzione notte

In tal modo si può ridurre al minimo il tempo di accensione dell’apparecchio ed  evitare di lasciare il climatizzatore acceso per l’intera giornata, ma solo quando si è presenti in casa.

Occhio alla pulizia e alla corretta manutenzione

I filtri dell’aria e le ventole devono essere ripuliti alla prima accensione stagionale e almeno ogni due settimane, perché si tratta del luogo dove si annidano frequentemente muffe e batteri dannosi per la salute. Infine è importante inoltre controllare la tenuta del circuito del gas.

Stampa la pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *