1 UNA BUONA ILLUMINAZIONE È TUTTO

Il valore della luce naturale non può essere sopravvalutato. Una fonte di luce di qualità fa brillare lo spazio e conferisce un senso di serenità difficile da raggiungere in sua assenza. In termini di luce artificiale, i dimmer possono “fornire una luce soffusa la sera”.

2 LE VISTE ESTERNE

È noto che la natura ha un effetto calmante sull’umore e, sebbene trascorriamo gran parte della nostra vita al chiuso, gli ambienti esterni incidono ancora sulla nostra esperienza di essere e sentirci a casa. Evitare di ingombrare la casa con oggetti non necessari.

3 SCEGLI UNA TAVOLOZZA COLORI CALMANTE

Il colore aiuta a creare uno stato d’animo che lega uno spazio. “Il colore può essere uno degli strumenti più semplici per manipolare l’umore all’interno di uno spazio”. Il colore può operare sull’umore in modi “ovvi”; i colori vivaci sono energizzanti, mentre i colori tenui sono calmanti. 

4 GLI SPAZI FUNZIONALI SONO SPAZI SERENI

Uno dei principi del buon design è quello di creare uno spazio che funzioni bene. Tuttavia, poiché un design funzionale aumenta la facilità di vita quotidiana, promuove anche un senso di calma. Idealmente, vuoi sentire come se la tua casa stesse lavorando con te e ti sostenesse mentre ti muovi attraverso la vita e non ti combatte ad ogni turno. Penso che tutti abbiamo avuto quell’esperienza di andare a prendere un coperchio della pentola e di lanciare accidentalmente una valanga di pentole – se ciò accade regolarmente, può iniziare a diminuire il tuo senso di serenità. Esaminare il modo in cui si usa lo spazio e, in particolare, quali sono i loro “punti dolenti”, quei momenti prevenibili e ripetuti in cui lo stress si accumula, portandoci a una sensazione di fragilità. Se questo fa parte della tua vita quotidiana, renderla più funzionale avrà un impatto cumulativo piuttosto grande sul tuo livello di calma.

5 ORGANIZZA, ORGANIZZA, ORGANIZZA

Dopo che il disordine è stato ripulito, è tempo di organizzarsi. Quando tutto ha un posto, abbiamo meno cose di cui preoccuparci. Quando il disordine è temperato, disegnato, organizzato o decorato, diventa un flusso. Indipendentemente dalla routine quotidiana del cliente, gli interior designer possono ideare un piano che semplifichi l’organizzazione.

6 CREA SPAZI UNICI E DESIGNATI

Gli spazi ad uso misto sono importanti e difficili da sfuggire; tuttavia, gli spazi designati rendono anche un design rilassante, indipendentemente dal fatto che il cliente richieda un home office, uno spazio artigianale o un’area di meditazione. Parliamo spesso di un equilibrio lavoro/vita in senso emotivo/mentale, ma questo vale anche per gli spazi fisici. È molto più facile mettere in pausa lo stress e gli impegni della giornata di lavoro se riesci a chiudere la porta del tuo ufficio di casa e unirti alla famiglia in cucina.

7 EVITA LA RICERCA DELLA PERFEZIONE

Quando uno spazio sembra troppo progettato, non è accogliente; allo stesso tempo, uno spazio “casalingo” può anche significare accogliente o non bello. Per trovare l’equilibrio tra esagerato e indebolito, la filosofia giapponese del wabi-sabi , che significa “perfetta imperfezione”.

8 ENFATIZZARE LA SPAZIOSITÀ

È difficile leggere uno spazio angusto come calmante. Gli spazi limitati possono creare claustrofobia, mentre ampie finestre, un layout a concetto aperto e generose riprese quadrate sembrano offrire possibilità. Questa sensazione di apertura a un “senso di spaziosità”: ogni area fluisce nella successiva senza inibizioni e con elementi comuni che legano insieme le varie stanze e aree.

Stampa la pagina
copy protection