Che tu sia appassionato di cucina o meno, scegliere al meglio un piano cottura è fondamentale quando si arreda la propria casa. Questo perché è un elettrodomestico che oltre a condizionare i consumi della tua abitazione, impatterà anche sull’estetica degli ambienti.

E quindi come scegliere? Scopriamolo insieme

Tipologie di alimentazione di un piano cottura

La prima cosa da valutare nella scelta di un piano cottura è la tipologia di alimentazione. In pratica, bisogna distinguere tra piano cottura a gas, piano cottura elettrico e piano cottura a induzione.

Vediamoli nello specifico.

I piani cottura a gas funzionano se allacciati alla rete comunale di distribuzione del gas oppure mediante bombole di gas butano.

Il vantaggio di questo tipo di piano risiede nella facilità e sicurezza nell’utilizzo e nel costo contenuto per acquistarlo.

Il piano cottura a gas, inoltre, permette di monitorare visivamente la fiamma ma la pulizia risulta più impegnativa perché bruciatori e candele sono più difficili da raggiungere.

I piani cottura elettrici poi, sono molto economici e facili da utilizzare e da pulire. Rispetto ai piani cottura a gas però riscaldano più lentamente e le impostazioni sono meno precise.

Infine, i piani cottura ad induzione si caratterizzano per le elevate prestazioni e la facilità nell’utilizzo e nella manutenzione.

Questa tipologia di alimentazione permette di regolare facilmente il livello di potenza desiderato, poiché dispone sempre di un display, e può raggiungere temperature molto più elevate rispetto ad altri tipi di piani cottura.

Inoltre la sicurezza è un altro dei vantaggi che offre l’induzione: infatti la superficie si raffredda rapidamente ed il sistema di blocco e di spegnimento automatico in caso di traboccamento azzera qualunque rischio.

Il piano cottura a induzione quindi offre elevate prestazioni, e rispetto al piano cottura a gas consente un miglior impiego di energia.

Mentre la maggior parte del calore con il piano cottura a gas va perso, il calore prodotto dal piano ad induzione invece viene diretto in particolare alla pentola e quindi conservato quasi al 95%.

Infine, il piano cottura a induzione risulta più facile da pulire ma bisogna prestare attenzione a non graffiarlo e ad utilizzare pentole e padelle adatte.

Dimensioni del piano cottura

Quando si è in procinto di arredare la propria cucina, c’è bisogno di curare le dimensioni del piano cottura per adattarle alle esigenze della famiglia e farle coincidere con lo spazio disponibile.

Il vantaggio di un piano cottura a incasso è che può essere integrato nella cucina a seconda di quelle che sono le tue necessità.

I piani cottura sono disponibili in diverse larghezze:

  • 30 cm a 1 o 2 fuochi. Per piccole cucine o moduli componibili
  • 60 cm a 4 fuochi: Può essere integrato a qualsiasi tipo di arredamento.
  • da 70 a 90 cm fino a 5 o 6 fuochi. Per famiglie numerose o isole di cottura. Con questo piano cottura è possibile utilizzare accessori molto grandi e risparmiare tempo nella preparazione dei pasti.

Tipi di superficie

Oltre alle dimensioni e alla tipologia di alimentazione, nella scelta di un piano cottura è importante prestare attenzione anche al materiale della superficie:

· Superficie in smalto

· Superficie in acciaio inox

· Superficie in vetro a induzione

· Superficie in vetro per piani cottura a gas

· Superficie in vetroceramica

Ognuna di queste tipologie necessita di essere trattata con prodotti idonei per non danneggiare il piano cottura e rovinarne così le prestazioni e le qualità estetiche.

Funzioni extra

Per quanto riguarda i piani a gas, una funzione extra è il gas stop: se la fiamma si spegne (in caso di pentola d’acqua che trabocca), interrompe l’uscita di gas in meno di 90 secondi

Per quanto riguarda i piani a induzione, invece, le funzioni extra possono essere:

  • anti-surriscaldamento: il piano cottura si spegne automaticamente al minimo surriscaldamento: (ad esempio, in caso venga lasciata una pentola vuota sul fuoco)
  • spia di calore residuo: si accende una volta spento il fuoco e rimane accesa finché la temperatura è superiore a 60°C.
  • anti-traboccamento: il piano cottura si spegne in caso di traboccamento sul pannello dei comandi.
  • sicurezza bambini: impedisce l’accensione accidentale del piano cottura a induzione.

In conclusione, nella scelta di un piano cottura per la tua cucina c’è spazio per ogni esigenza e budget.

L’importante è tenere a mente queste caratteristiche per orientarsi e dopodiché affidarti a persone specializzate che ti aiuteranno a selezionare solo i prodotti dei migliori brand.

Scopri i nostri prodotti top e le loro caratteristiche: nei nostri showroom puoi trovare una vasta esposizione di piani cottura con il supporto del nostro personale specializzato. Ti aspettiamo!

Leggi anche : Cappe ELICA

Stampa la pagina
copy protection